Serie A Green
Il Punto di Torgio GiosattiLa Piazzetta Dello SportSTAMPA

Il Punto di Torgio Giosatti – 12′ giornata 2016/17

Memola lancia la sfida,
chi si unirà alla corsa?

Il Terlizzi vince lo scontro diretto col Pigna e approfitta del pari tra Lupiae e Lakragasso. Risalgono Acab, Cusci, Domingo e Delinquere, in coda tre nei guai.

Non è una fuga, ma è sicuramente una bella passata di evidenziatore sulla scritta: il Terlizzi c’è. Non sarà particolarmente bella da vedere, né particolarmente fantasiosa col suo 4-4-2, ma la squadra di Paolo Memola è dannatamente cinica, come ha dimostrato nel big match di giornata contro la Pigna Picena, abbattuta per 3-1. Magari avrà sbagliato anche quest’anno il regista del Napoli (prende Valdifiori, esplode Jorginho; prende Jorginho, esplode Diawara…), magari gli saranno rimaste delle cartucce in canna come Gabigol, Tello, Fernandez o Eder, ma la compagine azzurrogranata ha dalla sua delle carte inattese come Schick che stanno facendo la differenza, marcando la distanza con le inseguitrici, di cui le più credibili restano ancora tre: Pigna, Lakragasso e Acab. I rosanero stanno soffrendo tremendamente la crisi societaria che sta attanagliando la piazza marchigiana, ma le bocche da fuoco di Bucci sono talmente cariche che le polveri adesso bagnate potrebbero asciugarsi da un momento all’altro. La cartuccia nascosta di Alaimo, invece, si chiama Berardi e ad Agrigento lo aspettano tutti con ansia, consci che potrebbe essere il vero crack della seconda metà di stagione. All’Acab di Gallicchio, infine, manca un po’ di continuità, ma il risveglio del bomber Kalinic potrà rendere finalmente più concreta l’immensa mole di gioco prodotta da un organico dalla qualità esorbitante.

La classifica, però, parla anche di un Lupiae sornione, sospinto dai ragazzini terribili con la maglia azzurra come pigiama, che a dispetto dei programmi societari è lassù a dispetto dei santi. La bagarre per il vertice, però, è tutt’altro che provvisoria. In pochissimi punti, infatti, galleggiano i campioni in carica del Cusci, il blasonato Amici di Moira Orfei, il pluriscudettato Delinquere, la sorpresa Labbari, un Celtic&St.Pauli deluso e insospettabilmente in crisi, il Domingo dei pianti e dei proclami, il Flipper dell’autocommiserazione e i Wailers che vanno in gita e si votano ai santi per non finire in pasto ai diavoli, come successo a Curtale, Mojito e Eagles. Dario Brindisino allarga le braccia davanti a una difesa colabrodo che incassa goleade ogni domenica (29 gol subiti!), Stefano Linciano che di pareggio in pareggio aspetta che Dybala lo porti per mano fuori dalle sabbie mobili, e Jos Corasaniti che proprio non ha legato con Bacca e si affida al figliol prodigo Brozovic.

A due settimane dalla sosta (e a tre dalla riapertura delle liste del mercato di A…) la classifica della SerieAGreen non ha mostrato ancora il suo vero volto e tutte le pretendenti al titolo appaiono ancora in fase di studio. Come in una tappa ciclistica, chi sarà la prima a fare lo strappo decisivo? Sarà un allungo sul campo oppure un crack di mercato che andrà a sconvolgere gli equilibri del campionato? La tensione corre su un filo e saranno sicuramente anche i verdetti di coppa ad indirizzare le strategie delle singole franchigie.

Torgio Giosatti

5 pensieri riguardo “Il Punto di Torgio Giosatti – 12′ giornata 2016/17

  • Amicidimoiraorfei

    Zan zan zan zan zan zan zan zan zan…

  • “il Domingo dei pianti e dei proclami”
    E no! Stavolta no.
    Torgio che si allinea alle malelingue sul Domingo non va bene, non va affatto bene.
    Piagnistei nè più nè meno lo standard del Circo e inoltre
    si svilisce e si sottostima il potenziale e i risultati:
    fossimo stati altra squadra, dopo due 3-1 e un 5-4 epico contro il Curtale,
    avremmo ricevuto adeguati elogi.
    Come dicono a Roma: “m’arimbarza”.

  • delinquere

    Mi mancava il punto di Torgio…che figata come al solito.
    sono d’accordo sul fatto che il Delinquere non possa ambire a posizioni da podio, ma il Lupiae deve smetterla di nascondersi 🙂
    la storia del terlizzi sembra conosciuta…una squadra sulla carta non fortissima ma dove il collettivo può dire la sua…pensare che noi abbiamo vinto uno scudetto con bergessio-okaka in attacco 🙂

  • Cusci Team

    hai detto bene, il Cusci galleggia, ma sempre con l’acqua alla gola… una situazione veramente scomoda, gli uomini sempre contati e ora la tegola della Supercoppa Green e Trofeo Green da giocare con 8-9 giocatori da 6 politico.. speriamo che il pianto preventivo possa fare il miracolo!

  • Beh, una cosa è sicura: in Supercoppa la goleada non la subiremo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *