Serie A Green
STAMPA

E fattela na risata!

Approfittando della pausa del campionato vi propongo una selezione di infortuni a dir poco bizzarri (per non dire completamente stupidi) capitati a vari calciatori, così tanto per farci due risate. Per chi fosse interessato alla lista completa questo è il link

http://www.soccermagazine.it/curiosita/curiosita-gli-infortuni-piu-bizzarri-di-tutti-i-tempi-22909/

e ora cominciamo:

Richard Wright — Il portiere dell’Everton fu costretto a saltare la sfida di FA Cup contro il Chelsea per un problema alla caviglia: si fece male inciampando nel cartello “non danneggiate il prato” durante il riscaldamento.

Darius Vassell — L’ex Aston Villa e Manchester City, nel tentativo di diminuire il dolore ad un piede, provò un sistema tutt’altro che geniale: prese infatti un trapano, e lo usò sull’unghia del suo piede destro. Risultato: una bella infezione, e dolore al piede raddoppiato.

Jari Litmanen — L’ex star di Fulham e Liverpool fu invece vittima di una lattina di Coca Cola; fu infatti in seguito all’esplosione di una di queste che rimediò un occhio nero.

Chic Broide — Nel ’70 il numero uno di Brentford fu costretto all’addio al calcio dopo uno scontro con un cane che aveva fatto irruzione sul campo di gioco.

Alex Stepney — Urlando ai suoi compagni del Manchester United, il portierone degli anni ’70 si slogò la mascella.

Darren Barnard – L’ex nazionale gallese si infortunò ai legamenti del ginocchio dopo essere scivolato sulla pipì del suo amico a quattro zampe. Fuori 5 mesi.

Sebastian Frey – Ai tempi dell’Inter, il portiere si tuffò in una piscina vuota riportando in seguito un trauma cranico.

David Batty – L’inglese si infortunò dopo essere stato investito dal figlio, a bordo di un potente triciclo!

Marco Storari – Durante la militanza al Milan, l’estremo difensore tentò il famoso “colpo dello scorpione” del portiere Higuita in allenamento. Per buttarsi a terra si buttò, ma poi tardò a rimettersi in piedi.

Paulo Diogo – Dopo aver realizzato, lo svizzero del Servette andò ad esultare aggrappandosi alla recinzione di fronte alla curva, ma la fede che portava al dito rimase incastrata nella stessa, e tornando giù il giocatore perse due falangi dell’anulare, poi amputato. L’arbitro pensò pure di ammonirlo.

Muricy Ramalho – Il brasiliano accusò mal di denti e gli vennero prescritte delle supposte, ma dato che il dolore era nella bocca pensò di assumerle per via orale. 3 giorni di stop.

Perry Groves – Il giocatore dell’Arsenal arrivò a sbattere la testa sulla tettoia della panchina mentre esultava per un goal.

Il mio personale podio:

1° Frey

2° Ramalho

3° Vassell

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *