Il Punto di Torgio Giosatti

Delinquere: tutto nelle tue mani

Grazie ai punti di distacco dal Curtale, con una vittoria i calabresi festeggerebbero lo scudetto con una giornata di anticipo, proprio sul big match della 30': Delinquere-Curtale. Ma se finisse in parità…

Lotta scudetto. Siamo a pochi minuti dal calcio d'inizio di questa penultima giornata che potrebbe decidere i giochi scudetto. Messo già in cantina il mezzo passo falso col Lupiae che ha imposto il 3-3 all'Aspromonte, Domenico Sergi sa di avere ancora un paio di match point a disposizione per chiudere i conti con il mai domo Curtale, che domenica a sua volta è stato fermato sul pari dal Labbari. Sulla strada verso il tricolore, i calabresi troveranno i Mojito Dealers di Stefano Linciano che non hanno perso la speranza di acciuffare il podio nonostante le vicissitudini che ne hanno caratterizzato la stagione. Contemporaneamente, alla Joice Arena scenderanno in campo Curtale e Wailers: Dario Brindisino dovrebbe affidarsi nuovamente al tridente delle meraviglie sperando in un passo falso della capolista per ridurre a 3, o magari 2 i punti di distanza dal primo posto e dare un senso quindi al big match dell'ultima giornata. Se dovesse decidersi tutto in Delinquere-Curtale, infatti, le carte in tavola sarebbero rimescolate e i pontini, con un risultato su tre a disposizione, arrivando a parimerito con i nerogranata gli strapperebbero letteralmente di dosso lo scudetto grazie alla classifica avulsa (vittoria all'andata per 3-2). Un'eventualità rara ma non impossibile: è accaduta solo un'altra volta, infatti, nel 2006/07, quando il Lupiae di Luca Brindisino soffiò il titolo ai Rangers di Giovanni Tontodonati.

Corsa al podio. Oltre al già citato Mojito, anche Pace e Akragas lotteranno fino all'ultimo per raggiungere quantomeno il terzo posto in classifica, ma ci sono differenti stati d'animo che caratterizzano le tre piazze. A Lizzanello c'è ancora rabbia per non aver pouto usufruire di Mario Gomez per tutta la stagione, per cui il terzo posto sarebbe considerato un parziale risarcimento della sorte nei confronti dei neroverdi, che però con 44 punti non possono che vincere le ultime due gare e sperare nella caduta degli avversari diretti. L'Atletico Pace, nonostante sia l'attuale depositaria della terza piazza, sembra una squadra già in vacanza, che senza più mordente si è lasciata andare sia in Coppa (scandaloso lo snobismo avvenuto in finale di Europa Green) che in campionato, dove Del Boskov, forse ancora scosso dalla scomparsa del suo mentore Vujadin, ha schierato in panchina giocatori come Dzemaili e Vucinic, nemmeno convocati per differenti motivi dai rispettivi mister. E chissà quanti fioroni saranno sbocciati dalla invereconda bocca del patron Patruno, che non ha mai digerito proprio l'acquisto dei due top players dal Lupiae. Tra il Pace e Mojito c'è l'Akragas, che nel frattempo si è portato a casa la seconda Green Cup della sua storia e potrebbe avere dalla sua tanti fattori: dalla spensieratezza al calendario più favorevole, fino alla splendida forma del duo italico Immobile-Berardi, entrambi ancora speranzosi di conquistarsi un posto per Brasile 2014. 

Lo sprint finale per la Champions. La nuova regola per la zona Champions sta mettendo pepe anche a questo finale di stagione. In teoria i 6 punti ancora in palio terrebbero in gioco un po' tutti fino ad Acab e Labbari, ma se persino il Flipper sembra ormai più concentrato sulla salvezza allora possiamo tirare una linea sotto il Cusci, pur se con un minimo margine di errore. Domingo, Terlizzi, Celtic e Cusci, dunque, sono le 4 squadre che presumibilmente si giocheranno gli ultimi due posti rimasti per accedere alla Coppa più prestigiosa della SerieAGreen. Oggi contro il Labbari, l'Angelo Domenghini di Napoli applaudirà per l'ultima volta in stagione gli azzurroblè di Marcello Simonetti, consapevole del miracolo sportivo confezionato dal manager partenopeo, forse ancor più dello scudetto conquistato nel 2011. Con una rosa che definire da zona retrocessione sarebbe addirittura eccessivo per qualcuno, Simonetti è riuscito ad arrivare fino alla semifinale di Champions, portando la squadra fino a un incredibile sesto posto, che adesso però andrà difeso dagli attacchi delle concorrenti. Terlizzi in primis: Paolo Memola si augura che Rossi ed El Sharaawy possano tornargli utili almeno in queste ultime due giornate, dopo che Pepito gli ha regalato i tre punti proprio nello scontro diretto contro Cusci. Vito Lorusso è in caduta libera da febbraio, ovvero dagli acquisti roboanti di Osvaldo e Honda che dovevano farlo competere per lo scudetto e invece adesso figurano a malapena tra gli undici titolari. E questo nonostante i ko di Iturbe e Higuain, quest'ultimo con ancora un gol di vantaggio in classifica cannonieri sull'inseguitore Tevez, in un testa a testa che, tra infortuni e turn over, terrà tutti sulla corda fino all'ultimo minuto. Alla 30' giornata, infatti, El Pipita potrebbe rientrare proprio in uno scontro delicatissimo per la zona Champions contro il Celtic&St.Pauli. I campioni in carica hanno da tempo abdicato, ma non ci stanno a rimanere fuori dalla competizione riservata ai primi 8 classificati, nonostante l'assenza di Vidal. Piero Barbaro, così come i suoi avversari, oggi sarà decisivo anche per la zona salvezza: dal risultato con Amici di oggi, infatti, dipenderà tanto del peso dei 3 punti di Cusci-Celtic della 30' giornata.

Si salvi chi può. Con la brutta sconfitta di domenica scorsa contro Amici, lo Star16 di Jos Corasaniti ha detto addio ad ogni residua speranza di salvare una stagione decisamente negativa e che culminerà con la giusta retrocessione. Al contrario, il Lupiae è più che mai attaccato al pallottoliere dopo aver disputato un girone di ritorno da podio ma che però non è stato sufficiente a tirare fuori i verdeazzurri dal fango della zona retrocessione. A Luca Brindisino potrebbero non bastare nemmeno due vittorie nelle ultime due giornate se Acab o Labbari dovessero fare punti contro Akragas e Domingo. Marco Gallicchio domenica scorsa ha ritrovato la verve dei suoi veterani Totti e Di Natale, mentre Marco Tedone sta letteralmente spremendo i suoi al fine di conquistare la salvezza: a suon di doppiette, infatti, i vari Paloschi, Gilardino, Lazaros e infine Izco stanno tenendo a galla i biancorossi, che però sono sempre e solo un punto sopra Amici di Moira Orfei. Anche Roberto Bartolomucci sta dando fondo a tutte le risorse (poche in verità) della sua rosa dopo non essere riuscito ad entrare in Champions Green dalla porta di servizio, perdendo in finale col Curtale, mentre al manager dei Boca Wailers, Angelo Tarantino, servirà un mezzo miracolo proprio contro il Curtale per tenere accesa ancora una fiammella di speranza. Chi se la passa un po' meglio è decisamente Fabrizio Mangia: il suo Flipper, a quota 35, difficilmente verrà risucchiato nella parte bassa della graduatoria, ma non per questo la mancata consegna alla penultima giornata è giustificabile. Dall'anno prossimo gesti come questi saranno puniti da regolamento ma, nel frattempo, godiamoci ugualmente questi ultimi 180 minuti di passione…

Torgio Giosatti

3 pensieri riguardo “Il Punto di Torgio Giosatti

  • 10 Maggio 2014 in 18:40
    Permalink

    Mamma quanto è brutto Gervinho oh

  • 10 Maggio 2014 in 23:51
    Permalink

    Come sempre grande Torgio, nei momenti decisivi c'è sempre!

    Peccato non poter dire lo stesso del Cusci, da febbraio in poi non ne è andata bene una, ma davvero una! Infurtuni e squalifiche sempre nei momenti decisivi, squadre che stentano a fare 60 punti e mettere 11 uomini in campo con noi fanno 4 gol, ennesima prova questa sera, uno Star16 retrocesso che la settimana prima ha fatto 57, ora gioca in 11 e prende 3 assist di Kovacic (che non credo li abbia fatti in tutta la stagione), ma ormai è questo l'andazzo, quindi speriamo solo si chiuda presto questo campionato maledetto, anzi speriamo addirittura di non retrocedere visto che non solo abbiamo quasi matematicamente perso la possibilità della Champions e perderemo il titolo cannonieri, ma potrebbe materializzarsi addirittura una retrocessione… che amarezza…che amarezza…

  • 11 Maggio 2014 in 17:00
    Permalink

    Io ho 6 posti letto, chi vuole venire a godersi lo spettacolo è il benvenuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.