Risultati 27ª Giornata Serie A Green 2018/19

73,5 CUSCI – AMICI 64,5 3-1 Spinazzola,Ghoulam,Dzeko (C) – Farias (A) 
73,5 WAILERS – CURTALE 64 3-1 El Shaarawy 2,Hateboer (W) – D.Zapata (C)
74,5 LABBARI – PIGNA 80,5 3-4 Quagliarella 3 (L) – C.Ronaldo,Kurtic,Boga,Defrel (P)
71 TERLIZZI – LUPIAE 69 2-2 Suso,Floccari (T) – Insigne,Lirola (L)       
72,5 FLIPPER – DOMINGO 67,5 3-2 Castagne,Di Lorenzo,Caicedo (F) – Mertens 2 (D)   
74,5 ACAB – EAGLES 60 3-1 Pavoletti,Parolo,Fares (A) – Praet (E)   
64,5 CELTIC–DELINQUERE 65,5 1-1 A.Gomez (C) – Chiesa (D)    
76 STAR17 – MOJITO 73,5 3-3 Gazzola,Asamoah,Gervinho (S) – G.Ferrari,Murgia,Caputo (M) 

5 pensieri riguardo “Risultati 27ª Giornata Serie A Green 2018/19

  • 7 maggio 2019 in 13:37
    Permalink

    TERLIZZI – LUPIAE 2-2
    14′ Floccari (T), 81′ Insigne (L), 84′ Suso (T) 90+8′ Lirola (L)

    Il Terlizzi interrompe la striscia negativa di sconfitte ma non riesce a fare bottino pieno contro un Lupiae piuttosto schiacciato all’indietro con un inedito 5-3-2. Dopo nemmeno un quarto d’ora Floccari porta in vantaggio gli azzurro-granata che però non riescono ad affondare il colpo del raddoppio nonostante un Lupiae come detto remissivo anche nei suoi uomini migliori come Kolarov, Nainggolan e Ruiz. E quando Colley si fa espellere ingenuamente per doppia ammonizione, il Terlizzi rivede gli incubi delle ultime 5 gare e su un cross di Lirola è proprio capitan Pellegrini a mettere il braccio dentro l’area. Capocollo di Martina Franca dalla VAR suggerisce all’arbitro Primitivo il calcio di rigore, nonostante le veementi proteste del pubblico. Dal dischetto si presenta Insigne, a digiuno da tempo immemore, e non sbaglia. Paolo Memola suona la carica e incoraggia in particolar modo un altro fantasma illustre degli ultimi mesi, quel Suso che all’84° insacca un sinistro imprendibile alle spalle del pur ottimo Radu. Sembra fatta per i leopardi, ma se c’è una caratteristica peculiare del Lupiae 2018/19 è quella di non morire mai, lottando fino alla fine e riprendendo partite praticamente impossibili, come il Classico col Curtale. Stavolta non è Dijks a segnare, anzi si fa addirittura espellere nei concitati e lunghissimi otto minuti di recupero concessi da Primitivo, al termine dei quali Lirola fa esplodere lo spicchio dei tifosi verdeazzurri lasciando di sasso il resto del Sunny Cola.
    Per Paolo Memola un punto che non smuove più di tanto la classifica: alla beffa del pari subito in extremis, per il mister pugliese anche il danno di due infortuni abbastanza seri, Florenzi e Pezzella, che si aggiungono a una difesa già molto rabberciata. Luca Brindisino mette un altro mattoncino per la salvezza e forse abbandona definitivamente il sogno di riacciuffare uno dei sei posti Champions disponibili (il Terlizzi c’è già in virtù della vittoria in Green Cup): domenica in casa contro il Celtic l’ultima chiamata, Mojito (e Terlizzi) permettendo.

    Servizio di Carlo Pellicani

  • 7 maggio 2019 in 13:54
    Permalink

    Regalo postdatato…

  • 7 maggio 2019 in 19:25
    Permalink

    Vittoria importante che tiene a distanza le inseguitrici, con questo Mirante da inizio stagione magari avremmo avuto qualche punto in più…Ora ci aspetta l’ultima super sfida di questa stagione contro l’attaccante più prolifico del campionato, sarà dura ma dobbiamo farcela!

  • 8 maggio 2019 in 01:25
    Permalink

    Gazzolaaaaaaaa! #riaccendilapassione

  • 8 maggio 2019 in 07:56
    Permalink

    La responsabilità della sconfitta è tutta mia. Non credevo che Demiral potesse soffrire così El Shaarawy, evidentemente deve ancora crescere dal punto di vista mentale. Per quanto riguarda Felipe, sono stato in dubbio fino all’ultimo, poi ho scelto Barella, che in effetti ha fatto una buona partita. Purtroppo sono mancati Correa e Luis Alberto, e questo ha fatto la differenza. Onore ai Wailers, peccato per loro che la Champions abbia ormai preso la strada di Aprilia. Ora attendiamo un Cusci con disperato bisogno di punti salvezza: abbiamo qualche problema a centrocampo a causa delle squalifiche, ma metteremo in campo in ogni caso una formazione degna di cotanta sfida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine