Luno speciale – 22′ Giornata

ALAIMO 5

Dramè fa davvero un bel gol, non c’è che dire. Purtroppo Totò l’ha lasciato in panchina! L’abbondanza di difensori poteva far optare il mister siciliano per un 5-4-1 forse, ma si sa, i centrocampisti fanno più gola… Sbaglia il capitano, Hamsik o prende 7 o prende 5, ormai è chiaro. Sbaglia anche la scelta dell’attaccante, ma Thiago Ribeiro titolare venerdì pomeriggio era un miraggio. DRAME’ DALL’OBLIO

 

SERGI 5

Niente, Lichtsteiner continua a non gradire la fascia di capitano, è un’altalena di prestazioni che Domenico non riesce più a controllare. Un po’ come la pronuncia del giocatore. Il gol di D’Agostino resta pure in panchina, Constant si fa buttare fuori per una reazione da bullo e poi chiede scusa ai tifosi, Osvaldo sbaglia un gol per lui facile facile, ma non chiede scusa. E intanto Ibra da Parigi manda siluri… MA LA CLASSIFICA VA SEMPRE PIU’ GIU’ TUTTURURURURURURURU

 

BRINDISINO D. 6

Su 25 giocatori prendono voto in 9. Spera fino all’ultimo nel rinvio di Lazio-Fiorentina restando seduto in giardino sotto la pioggia, ma gli va male (che tristezza di metodo…). Biabiany sufficiente, Cassano gioca solo un tempo, Pinilla sbaglia il gol che poteva garantirgli il voto. Testa bassa e pensieri al Flipper, ma la rosa si è accorciata: Sannino rispolvererà Aronica e Donati? PIOGGIA OLIMPICA

 

MEMOLA 6

Quando scopre che Sau non è titolare gli si gela il sangue: il gol di Lamela rischia di rimanere solo un episodio. Ed invece il Curtale è in 8 e ha bisogno di due voti in attacco. Passa un quarto d’ora sotto la doccia a dire la parola “giocate”, riferendosi al match dell’Olimpico. Hernanes non è un buon vice, ma l’intuizione Giaccherini goleador gli vale la sufficienza. I’M SINGING IN THE RAIN

 

LORUSSO 5,5

Cavani è ormai diventato un caso. Puntualmente, anche quando ha il bonus servito su un piatto d’argento, lo butta via come uno swiffer usato. E così vengono lasciati altri due punti fondamentali per continuare a sperare. Il calendario lancia l’ultima fune agli ex campioni in carica, vediamo se El Matador & Co. sapranno approfittarne o se faranno la fine del Palermo di Zamparini. FINO ALLA FINE?

 

GALLICCHIO 6

Ormai i suoi obiettivi sono due: vincere la classifica cannonieri con Totti e farsi ritirare la patente prima della Festa Finale Serie A Green, in modo da utilizzare Luca come autista a vita. Se la sua squadra accumulasse multe e decurtazioni di punti come fa lui puntualmente ogni settimana, a quest’ora avrebbe già vinto tre campionati. Chiama Siena per prendersela con Angelo, reo di aver preso 6 e mezzo e aver tolto il gol al Pupone, i cops lo fermano e gli fanno iniziare bene la settimana. PENALIZZAZIONE E MULTA PER CORI RAZZISTI

 

SIMONETTI 6,5

Finalmente un po’ di fortuna per il mister napoletano: venerdì sera la partita sembrava segnata, grazie alle precise previsioni provenienti da Lizzanello. Ma sabato sera cambia tutto. Andreazzoli lascia in panca quel bradipo di Tachtsidis, Muriel segna e il Domingo rientra in partita. Pogba domenica pomeriggio completa l’opera. Pasqual fa soffrire fino all’ultimo Marcello, ma i tre punti restano a Napoli. OHI CHE BELL COCTEIL

 

LINCIANO 7

La mossa che non ti aspetti: invece che un sicuro 5-3-2, il salentino decide di schierare le tre punte, perché immagina che Allegri voglia far riposare il Pazzo nel secondo tempo in ottica Champions. Il Pazzo si riposa nel secondo tempo, sì, ma per colpa di Portanova, rude difensore che ricorda la doppietta rifilata dal milanista alla sua ex squadra qualche settimana addietro. Entra Balotelli e segna. Stefano è al settimo cielo, ma l’inferiorità numerica è dietro l’angolo… E anche il mezzo punto… UOMO DA SUPERENALOTTO

 

TEDONE 4,5

E veniamo al primo trombato della settimana: un uomo convinto, un uomo che non deve chiedere mai, un uomo che infatti non chiede a Bergessio: “Come stai?”. Non lo chiede martedì, non lo chiede mercoledì, non lo chiede giovedì, non lo chiede neanche venerdì. Chiede solo in Lega quando va consegnata la formazione, e schiera il tridente. Il catanese è out da martedì e Marco lo scopre per caso sabato a pranzo. Le cozze gli vanno di traverso. Poi Reginaldo lo salva, ma la giustizia fantacalcistica lo fa giocare lo stesso in 10. AGGHIACCIANTE

 

BARTOLOMUCCI 5

Ride sotto i baffi quando legge la formazione del Labbari, è inutile negarlo. Ma quando venerdì sera scopre il voto di El Shaarawy comincia a tremare. “Colpa dei fantagazzettiani comunisti!”, direbbe qualcuno… Domenica pomeriggio, dopo il gol di Santana, sbianca, poi arrivano quelli di Rosina e N.Sansone. Herteaux e Maxi Lopez abbassano il suo voto, ma c’è di che sorridere. CRIBBIO CHE VITTORIA!

 

BRINDISINO L. 4

L’altro trombato della settimana. Probabilmente i postumi del viaggio veneto si fanno sentire… Immaginiamo le degustazioni di vino e grappa che il povero veterano della Serie A Green ha dovuto sorbirsi. Si parte dalla scelta del capitano: Stendardo??? Non propriamente un uomo affidabile! Si continua con il portiere, ma qui poco da dire, Sorrentino lo avrebbero schierato tutti. Arriviamo all’attacco, e qui sono dolori: uno, due, tre. Tre gol di Ibarbo. Come quelli di Miccoli lasciati in panchina da suo cugino. Ma il parente azzeccò il capitano e prese 5… “MI DA’ UN ALTRO GOSSETTO?”

 

MANGIA 6

Puntava tutto su Di Natale e Marchisio, si sa. Se non ci fosse stato Stekelenburg e se il Principino avesse segnato quel gol staremmo qui a parlare di altro. Ma purtroppo non sembra essere l’anno buono per Fabrizio. Il salentino spera che Pandev cominci a fare qualcosa, altrimenti potrebbe esserci il pericolo-retrocessione. NE’ ZUPPA NE’ PAN BAGNATO

 

CORASANITI 6,5

Lo ha difeso con le unghie dagli assalti di mezza Serie A Green, ci credeva. E alla fine ha avuto ragione. Fascia di capitano per un Amauri strepitoso, e tre gol che non restano in panchina, no. Ljajic è un’altra soddisfazione targata Jos e Gilardino segna addirittura a Milano, peccato per quel mezzo punto che manca per il quinto gol. LONDON CALLING?

 

PATRUNO/DEL BOSQO 6

L’accoppiata che non ti aspetti, l’uomo di Andria con quello salentino. Patruno mette bocca sulle decisioni del mister ed inserisce il pupillo Avelar, che però non gioca. Da romanista inverte Burdisso con Rossini e manda in tribuna Munoz, che non può vedere. Per il resto conferma le scelte di Eugenio, con Insigne capitano, forse l’unico decente nella pessima domenica napoletana. 4 pappine alla Lino Banfi e salvezza che è sempre più un miraggio. PATRUNO BATTE DEL BOSQO 55,5 A 54,5

 

TARANTINO 6

Modulo obbligato, viste le squalifiche e i ballottaggi a centrocampo. Quando venerdì sera Abbiati dice di no a Borriello Angelo capisce che si può fare, si può fermare la capolista. Un pranzo domenicale da nababbi per i Wailers, con la doppietta di Denis. Un giallo di troppo a Bonaventura lascia tutto in bilico, ma Thereau e Cossu nel pomeriggio chiudono il match. Domenica l’Acab, per confermare quanto di buono fatto sinora. VAAAA CHE SQUADRA

 

BARBARO L. 5,5

Sente odor di sorpasso da parte del Curtale e inizia insieme al DS Santini la sua opera macumbiana già da domenica mattina. In realtà sa benissimo che i pontini sono in piena emergenza, e a lui va benissimo una vittoria del Terlizzi. Pirlo mantiene le energie per il big match di domenica contro il Lupiae, Vidal ha ricaricato i polmoni: ci sarà il riscatto? CADE IN PIEDI

0 pensieri riguardo “Luno speciale – 22′ Giornata

  • 12 Marzo 2013 in 20:23
    Permalink

    Non per recriminare, ma Luno se come dici tu è mezzo punto a errore, o io o il cugino avremmo dovuto prendere 4,5… e non 4 e 5 se la differenza la fa solo il capitano…oppure la fa il risultato? 😉

  • 12 Marzo 2013 in 20:35
    Permalink

    Luno sapeva che saresti caduto in questo errore! Il voto di partenza era 4,5 per l’erroraccio! Però tu, a differenza del cugino, che azzeccó il capitano e risalì quindi a 5, il capitano lo hai sbagliato, e quindi te ne scendi a 4!!!
    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.