Jonathan Bachini di Legno (Honoris Doping)

Il riconoscimento più disonorevole della Serie A Green,

quello che spesso non ha nemmeno bisogno di nomination.

Che sia doping farmaceutico o amministrativo,

chi ce l’ha se lo tiene

2006-2007:

FRANCESCO FLACHI (TERLIZZI – MEMOLA): Che beffa per Memola: si priva di Andrea Pirlo per acquistarlo, ma non fa nemmeno in tempo a schierarlo che lui si fa beccare con in corpo tanta di quella medicina per il diabete da far piangere pure Novellino. Prossima destinazione di mercato: Junior Barranquilla (Colombia). VOTI 8

2009-2010: ADRIAN MUTU (CURTALE – D. BRINDISINO) Da inserire VOTI ?

2011-2012:

ANDREA MASIELLO (DOMINGO – SIMONETTI): Il premio che non avremmo mai voluto dare. Non ci sono parole per definire il comportamento di questa persona (o cosa), soltanto un interrogativo: ma non ti potevi drogare come tutti gli altri??? VOTI ?

2012-2013:

DANIELE PORTANOVA (CURTALE BRINDISINO D.): La sua SerieAGreen comincia male, essendo subito identificato come simbolo dell’anti-fair play finanziario quando Dario Brindisino lo tira all’asta soltanto per far fare minusvalenza ai cugini del Lupiae, salvo poi lasciarlo un minuto dopo. Non contento, se lo riprende a novembre quando ancora stava scontando una squalifica di 4 mesi per omessa denuncia, già scomputatagli dalla precedente di 6, a sua volta ridotta rispetto a quella di 3 anni che era stata chiesta per lui in base agli illeciti sportivi di un Bologna-Bari del 2011. Anche lui, come gli altri, torna in campo come se nulla fosse successo, affiancando in arancioblu Salvatore Aronica, un altro che probabilmente si candiderà in futuro a questo premio. Il Curtale di quest’anno, peraltro, può fregiarsi di avere avuto tra le sue fila anche un altro indagato per omessa denuncia di combine: Paul Vitor Barreto. VOTI ?

2013-2014: non assegnato

2014-2015: non assegnato

Risultati immagini per masiello 2015/20162015-2016:

ANDREA MASIELLO (DOMINGO  SIMONETTI): Uno scandalo che giochi ancora in Serie A. Un abominio che lo faccia addirittura in Serie A Green. Contro tutti i valori dello sport.

2016-2017:

GIANLUIGI DONNARUMMA (CELTIC  BARBARO & SANTINI): Dispiace “punire” un ragazzo di 18 anni, erede designato di Gianluigi Buffon. Ma era doveroso, perché al contrario di chi accettò di scendere in B da campione del mondo per amore della maglia e dei tifosi – l’enfant prodige si è affidato a un procuratore che gli ha già insegnato che nella vita contano solo i denari (e il Milan comunque gliene offriva parecchi). Nessuno gli ha mai chiesto essere il nuovo Totti o Maldini. Né di rinunciare ai contratti d’oro dei migliori club al mondo. Ma non bisogna prendere in giro i tifosi baciando maglie e giurando fedeltà eterna.

2017-2018:

FABIO LUCIONI (DOMINGO): Pareva l’incarnazione di un sogno sportivo: a 30 anni l’esordio in serie A da capitano di una debuttante, il Benevento, che aveva trascinato fascia al braccio al doppio salto dalla serie C. Un sogno durato lo spazio di un mese: il 22 settembre, infatti, viene trovato positivo a uno steroide anabolizzante. Reintegrato per tre giornate a dicembre, viene poi squalificato per un anno, senza manco risultare precedenza per il Domingo. VOTI 6

2 pensieri riguardo “Jonathan Bachini di Legno (Honoris Doping)

  • 14 febbraio 2018 in 15:35
    Permalink

    Aggiornato testo, manca foto 2015/2016

  • 21 febbraio 2018 in 16:17
    Permalink

    Completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine