David Sesa d’Oro (Migliore New Entry)

Questo premio è dedicato al migliore straniero

alla sua prima stagione nel campionato italiano e, ovviamente,

al manager che ha creduto in lui

2010-2011:

ANDERSON HERNANES (WAILERS – TARANTINO & MANCINI): Il classico “illustre sconosciuto” che non si fa pregare per esplodere. Il vero valore aggiunto per Lazio e Wailers: Tarantino ci investe tanto ma ammortizza tutto con gli interessi. Nonostante i 155 mld spesi, difficilmente sarebbe stata una minusvalenza…VOTI 9

2011-2012:

ARTURO VIDAL (DOMINGO – SIMONETTI): pur di inserire lui Antonio Conte abbandona il suo credo tattico a 4 punte e lo affianca a Pirlo e Marchisio a centrocampo, seppur con un ruolo meno offensivo di quello a cui era abituato. Il Domingo ci investe 105 mld e Arturo Vidal si fa protagonista di un campionato tutto in crescendo, iniziato con un normale periodo di ambientamento e concluso alla grande a suon di gol e voti alti, che contribuiscono alla rincorsa salvezza azzurroblu. VOTI 8

2012-2013:

VALERO IGLESIAS BORJA (DOMINGO – SIMONETTI): fa parte di quel pacchetto convenienza che la Fiorentina è andata a pescare dal retrocesso Villareal. Di lui si diceva che fosse il primo della lista degli esclusi nel centrocampo della Nazionale spagnola, che in questa generazione è composto da extraterrestri. Sul campo ha dimostrato di avere corsa, geometrie e un ottimo calcio da fermo, che sono valsi al Domingo di Simonetti 5 assist e un gol in 37 presenze. VOTI ?

2013-2014:

JOSE’ MARIA CALLEJON (CURTALE – D.BRINDISINO): di lui si diceva che segnasse poco, nonostante Mourinho l’avesse voluto comunque nel roster del Real Madrid dopo 3 anni di prestito all’Espanyol. Callejon però non ci ha messo niente a conquistarsi non solo il posto da titolare fisso, ma anche la stima di tanti fantallenatori. Ecco perché ci si immaginava un prezzo molto più alto dei 125 mld sborsati da Dario Brindisino per accaparrarsi questo centrocampista brevilineo, fulminante quando va in campo aperto con i suoi tagli ed accelerazioni e addirittura cinico in zona gol, viste le 15 reti messe a segno a fine campionato con 7,58 di media voto. Un’irruzione pazzesca nel campionato italiano, anche se purtroppo guarderà i Mondiali in tv. VOTI ?

Risultati immagini per morata 2014/20152014-2015:

ALVARO MORATA (PACE – DI TONDO): Come Llorente l’anno scorso, anche il suo connazionale ci mette un po’ per ambientarsi in Italia, nello spogliatoio bianconero e nei suoi collaudati movimenti di gioco. Ma a differenza di Llorente l’anno scorso, quest’anno la dirigenza del Pace si guarda bene dal cedere alle lusinghe di mercato che avrebbero voluto lo spagnolo dalle parti di Aprilia o Catanzaro. Una scelta conservativa che si rivelerà azzeccata, perché Morata ha incantato tutti alla sua prima stagione italiana (come del resto un altro rossoblu, l’olandese De Vrij): altro che scarto del Real Madrid, altro che giovane promessa, questo è un bomber fatto e finito e che teoricamente potrebbe giocare in qualsiasi schema d’attacco.

2015-2016:

CARLOS BACCA (MOJITO – LINCIANO): Calarsi da una realtà vincente come quella del Siviglia degli ultimi anni in una totalmente sfigata come quella recente del Milan non dev’essere stato facile. “Dove sono capitato?”, si sarà chiesto spesso, mentre Gameiro e compagni cavalcavano entusiasti verso la terza Europa League di fila. Ecco perchè un campionato di metà classifica pure col Mojito proprio non lo poteva sopportare: è lui a bussare alla porta della dirigenza per chiedere rinforzi a gennaio. Puntualmente accontentato, con i suoi gol e il suo carisma tiene prima a galla la squadra e poi la trascina al secondo posto.

2016-2017:

FRANK KESSIE (AMICI – BARTOLOMUCCI): Indipendentemente dalla sua età vera o presunta, quello disputato dall’ivoriano è stato un grande campionato, soprattutto nella prima parte in cui è risultato decisivo anche a livello realizzativo. Fisicità, corsa e un piede davvero niente male: tutte caratteristiche che hanno portato ottimi frutti, ovvero 6 goal e 1 assist. Decisamente qualcosa in più del “nuovo Gattuso”, come lo ha definito il suo procuratore al momento del passaggio al Milan.

2017-2018:

DOUGLAS COSTA (AMICI – BARTOLOMUCCI): La sua agilità, abbinata alla tecnica palla al piede, fa di lui un giocatore prezioso e al tempo stesso spettacolare come non eravamo più abituati a vederne in Serie A. Efficacia e qualità, Allegri lo ha definito, senza troppa fantasia, “spacca partite”. Bartolomucci per lui rinuncia a Icardi: non basterà a salvarlo, ma almeno se lo godrà nella parte migliore della sua prima stagione in Italia. VOTI 9

5 pensieri riguardo “David Sesa d’Oro (Migliore New Entry)

  • 19 giugno 2012 in 13:28
    Permalink

    “Io l’avevo detto a De Laurentiis di prendere lui e non Inler…”

  • 18 giugno 2013 in 02:03
    Permalink

    ahahhaha Dario ma i commenti tuoi sugli allori non li avevo mai letti forse 😀

  • 12 dicembre 2013 in 20:52
    Permalink

    Vi prego levate sta foto mia su Vidal!!! Nun s pò guardaaaaaaa! 
    Maronna mia! brrrrr!
    😀

  • 15 febbraio 2018 in 10:02
    Permalink

    Aggiornato testo, manca foto 2014/2015

  • 21 febbraio 2018 in 16:42
    Permalink

    Completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine