Dopo il Porcellum… l’Under 21

Per assicurare un florido destino ai vivai nostrani

non basta avere un giovanotto in formazione

Promuovi il made in Italì

chiedi un riconoscimento economico

(5 fantacrediti a partita) per i convocati Under 21

Come sempre in questo paese credere e investire sui giovani è mestiere di pochi. Molto pochi anche nel campionato di calcio ufficiale a giudicare dalla età media generale delle formazioni schierate settimanalmente, fatte naturalmente le dovute eccezioni. Questo emerge con prepotenza a giudicare dall’organico Under21 messo su’ da Ciro Ferrara costituito per la gran parte da giocatori militanti in Serie B se non nella Lega Pro.

Certo quasi nessuno tra i mister, in sede d’asta, è pronto a impiegare una slot, fra le ultime disponibili, per chi per il 99% delle volte è destinato a una triste vita da gregario, ma le eccezioni come detto non mancano. Senza andare a pescare fra i memoriali quest’anno non sono poche le compagini di serie A Green che settimanalmente possono convocare uno di questi giovanotti di sicuro avvenire.

Nota è la politica della compagine di inserire in organico ragazzi di sicuro avvenire: quest’anno Gabbianini e Paloschi hanno pure in alternanza calcato i manti erbosi in queste prime uscite. Ma non è la sola. A far compagnia ai biancazzurri si distinguono Flipper e Cusci con le scommesse di tutto rispetto Bertolacci e Fabbrini; Pace e Domingo con le quasi certezze Destro e Borini.
Non si sta parlando di campioni fatti e compiuti certo, ma di prospetti dal sicuro spessore tecnico capaci di apportare qualche buon bonus in termini di punteggio, magari quando la sorte bersaglia i titolari cosiddetti inamovibili, o capaci di procurare una auspicabile plusvalenza se l’occhio oeconomicus si mostra capace di lungimiranza. Lakragasso a questo proposito, nel voler sostenere il made in Italì, propone un riconoscimento in fantacrediti a quelle compagini che più di altre hanno occupato parte delle loro slot con i suddetti giovanotti.
L’emolumento proposto sarà della metà rispetto a quello corrisposto ai convocati della nazionale maggiore.
Questa volta il ct Under 21 Ferrara s’è portato dietro tra i difensori, Faraoni e Caldirola (ambedue dell’Inter), quest’ultimo in un primo tempo accasatosi al TERLIZZI, ma subito scabiato con il non più giovane Grosso.
A centrocampo si faranno sicuramente riconoscere Bertolacci che milita nel CUSCI e il piccolo genio Fabbrini del FLIPPER; a disposizione delle compagini è Marrone, centrocampista della Juve che Conte ha voluto fortemente con sè memore dell’esperienza senese dell’anno scorso nel quale si è distinto egregiamente. Con il traffico che c’è nel reparto bianconero non sembra destinato a grandi apparizioni… ma chi può dirlo. Il reparto d’attacco è quello che maggiormente potrebbe vedere gratificato l’investimento dei manager di lega con Borini del PACE, Destro del DOMINGO, Gabbiadini e Paloschi dell’AKRAGAS.
Quindi riepilogando Lakragasso si fa promotore della raccolta firme per il referendum pro Under 21.
Qui sotto un piccolo riepilogo con le squadre della Serie A Green che possono fregiarsi di cotanta convocazione e i giocatori ancora senza contratto disponibili a subentrare nelle successive sessioni di mercato:
Portieri: Bardi (Livorno), Colombi (Juve Stabia), Pinsoglio (Pescara);
Difensori: Caldirola e Faraoni (Inter), Antei (Grosseto), Capuano (Pescara), Crescenzi (Bari), Donati (Padova), Mori (Empoli), Santon (Newcastle UTD);
Centrocampisti: Bertolacci (Cusci), Fabbrini (Flipper), Marrone (Juventus), Florenzi (Crotone), Insigne (Pescara), Rossi (Vicenza), Saponara (Empoli);
Attaccanti: Borini (Pace), Destro (Domingo), Gabbiadini, Paloschi (Akragas).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.