Comunicato ufficiale AC Boca Wailers

In considerazione delle vicende legate all’operazione di mercato che ha coinvolto le società Domingo e Terlizzi, con il presente comunicato si chiedono ufficialmente o il ritiro dello scambio su iniziativa degli interessati o le dimissioni del sig. pagliaccio Simoncella Marcello Simonetti per aver violato lo spirito Green prendendosi gioco di tutti i partecipanti e ponendosi platealmente al di sopra delle parti. Personalismi ed esibizionismi non fanno parte di questo bellissimo fantasport e l’indignazione cresce anche alla luce delle continue lamentale di un pagliaccio che dall’inizio della stagione sta minando la voglia di tutti noi di partecipare al gioco. Le 18 ore di asta che questo personaggio ambiguo e lamentoso, millantatore di un bieco vittimismo ha messo in discussione, sono il frutto della volontà di noi folli di voler continuare anche in un momento difficile e non lasceremo che simili sceneggiate ci tolgano la passione.

Nel caso di remissione della franchigia, la gestione passerà fino alla fine del campionato ad un DS già individuato per poi trovare una soluzione per la futura stagione. Qualora la presente richiesta non venga accolta, il presidente Angelo Tarantino e il MLM Alessandro Calò, onoreranno la competizione nel rispetto di tutti, ma lasceranno la chat e escluderanno ogni coinvolgimento nelle iniziative della Lega, inoltre i Wailers non si presenteranno per la trasferta di Napoli perché non vogliono avere niente a che fare con certi personaggi. Finché simili personalismi imperverseranno, saremo più lieti escluderci dato che non condividiamo emozioni, tempo e divertimento con un pagliaccio e con la sua marionetta.

L’importanza che stiamo dando alla questione non riguarda personalmente il suddetto pagliaccio o la sua marionetta, questi personaggi contano per i Wailers come i semi di girasole, noi siamo per difendere un concetto, lo zeitgeist della Serieagreen che vogliamo continuare a rappresentare con chi è degno di questa Lega!

In fede

Angelo Tarantino
Alessandro Calò

13 pensieri riguardo “Comunicato ufficiale AC Boca Wailers

  • 6 novembre 2020 in 20:01
    Permalink

    I soliti esagerati e integralisti. Sai che ti dico? Finché ci stanno polemiche sfotto e imbarghi ci sta pure, fa parte del gioco e del divertimento, ma quando si esagera a voler fare i puritani, a essere chiamati marionetta o altro, allora non mi sta bene. Voglio vedere al posto mio quanti avrebbero detto no. Se 14 persone diranno che lo scambio va annullato, allora accetto il volere della maggioranza. Se il Domingo si vuole dimettere, lo seguiremo anche noi.

  • 6 novembre 2020 in 22:22
    Permalink

    Cari Alessandro e Angelo, mi dispiace ma secondo me con questo post avete toppato. Innanzitutto perché dite che Marcello si è posto al di sopra di tutti e poi proponete una soluzione che avete deciso unilateralmente con sostituto anche deciso unilateralmente, non so chi sia ma spero cogliate il concetto di “porsi al di sopra degli altri”. Poi proponete degli scenari out out che non mi piacciono affatto e che secondo me non fanno parte dello spirito della Serie A Green, che non è un fantacalcio qualsiasi dove i componenti entrano ed escono, è più una famiglia dove davvero ci sono il figlio emigrato, quello che se ne frega, quello che fa il figo, quei due che bisticciano sempre etc etc. In famiglia si dovrebbe cercare di unire non dividere ulteriormente, e questa è sicuramente una proposta divisiva e che può alienare non solo voi ed i diretti interessati, ma anche altri presidenti, specialmente in un periodo così delicato senza opportunità di vedersi di persona. Anche in famiglia però ci sono delle regole e questo circo è regolato da delle leggi che non prevedono il divieto di fare scambi, seppure assurdi e fuori da ogni logica. Perciò visto che le regole non sono state violate, perché volete creare una soluzione così radicale ed ad hoc? Non sono d’accordo con la revoca dello scambio, la proposta di dimissioni ne tanto meno con voi che uscite dalle chat e dalle altre iniziative. Va bene gli embarghi, il boicottaggio e lo sfotto’ anche insistente, ma qualsiasi cosa che vada oltre questo, oltre alla dimensione del gioco, secondo me fa passare dalla parte del torto. RLP

  • 7 novembre 2020 in 09:01
    Permalink

    Concordo con Gigi. La Serie A Green è una famiglia, va bene gli sfottò, va bene l’embargo, va bene il linciaggio popolare, ma alla fine i 5 stanno già uscendo ed evidentemente il Karma (non dimentichiamoci di Callejon), sta già lavorando sotto traccia. Memola sarà vittima dei suoi stessi metodi per aver avuto il coraggio di sfidare la dea nera.

    Non siate così estremisti e continuate a giocare! Ricordatevi cosa perdete eventualmente… e vi assicuro che è una cosa incommensurabile!

  • 7 novembre 2020 in 09:19
    Permalink

    Non volevo rispondere a questo post perché non è un post di gioco e di fantacalcio, tutto quello che c’è scritto non riguarda la Serie A Green per come la intendo io e speravo che la questione si sgonfiasse da sola. Detto questo sottoscrivo ogni singola parola di Gigi e aggiungo una piccola considerazione: se oggi non ci piace questo scambio (anche a ragione, ma non è questo il punto) e lo facciamo annullare per “volontà popolare”, domani troveremo un altro episodio simile e succederà ancora… Insomma si crea un precedente pericoloso e soprattutto la toppa che volete/vogliamo mettere è ben peggiore del presunto buco da tappare!
    Chiudo dicendo che l’utilizzo di tutti questi epiteti offensivi (da parte di tutti) smette di fare ridere molto presto e diventa maleducazione e ho troppo rispetto di voi tutti partecipanti al circo Green per pensarvi così, quindi vi prego continuate a fare in modo che il mio rispetto e la mia stima nei vostri confronti restino inalterati.

  • 7 novembre 2020 in 09:51
    Permalink

    Nn avrei mai risposto a questo genere di post se non per confermare che non mi opporró in alcun modo ad un nuovo scambio che ristabilisca le rose di partenza ove mai la maggioranza o 14 persone (come preferite) ritengano il precedente non valido.

  • 7 novembre 2020 in 10:41
    Permalink

    I toni del post non sono piaciuti neanche a me ma la questione esiste!!posso capire gli scambi assurdi fatti in passato ma a ciò non si era mai arrivato!!se riuscite a spiegarmi la bontà dello scambio ritiro le accuse e mi scuso ma se non siete in grado di farlo allora sarà da annullare. Sinceramente a me sembra uno scambio di aiuto spudorato e sfacciato. Se l’avessi fatto io sarebbe successo il finimondo…

  • 8 novembre 2020 in 19:45
    Permalink

    MI metto dalla parte di tutti, o almeno ci provo: lo scambio fatto è indecoroso (in questo sia i Wailers che Labbari hanno pienamente ragione). Giusto che Tedone se ne risenta perché ci si fosse trovato lui di mezzo lo avreste martirizzato oltre l’inverosimile. È inoltre giusto che i Wailers se ne risentano, malgrado nella stagione appena conclusa, abbiano effettuato scambi al limite, temerari, a volte incomprensibili (più per coloro che ne sono usciti con le ossa a pezzi – leggere Delinquere in questo caso – ). Ci sono dei regolamenti che non vietano nulla per ciò che riguarda questo genere di affari (e in questo il mio collega d’esilio non può che aver ragione), quindi inutile stare a fare troppi ragionamenti. I toni utilizzati sono in effetti pesanti ma credo che ci saranno modi e tempi per parlarne, capirsi, comprendere e magari accettare pur senza condividere.

    Detto questo, mi sento di proporre una cosa in modo da ritrovare spirito goliardico e voglia di giocare.
    Sottoporrei i 2 contraenti di questo indecoroso affare a 2 opzioni:
    – Pagamento di una cena (in tempi di Covid-Free, speriamo presto) a tutti gli altri concorrenti – situazione da percepire quindi come una sanzione pecuniaria che però ci faccia passare una serata tutti insieme dopo questo periodo infame – ;
    – in alternativa i 2 contraenti dovranno subire un pesante scherzo (alla “Marchese del Grillo” quindi molto pesante, il che dovrebbe far propendere per la cena FIDATEVE!!!) nei tempi che saranno decisi dal resto della concorrenza e ovviamente senza preavviso se non questo solo d’annuncio.

    Metto questa proposta ai voti. SI aprano le urne!

  • 8 novembre 2020 in 19:46
    Permalink

    In fondo è sempre la SerieAGreen, possiamo uscirne così non trovate?

  • 8 novembre 2020 in 20:00
    Permalink

    Bellissima idea Walter, molto interessante… In assenza di leggi che vietino lo sfasciamento di una squadra in scambio potenzialmente ammazzacampionato, al posto della gogna, tutti in pizzeria… Oppure…?!? Solo ai più temerari sarà dato di sapere la magnitudine dello scherzo by Bucci.

  • 9 novembre 2020 in 10:04
    Permalink

    Ho riflettuto qualche giorno se fosse il caso di rispondere a questo post. Non volevo sembrasse un rincarare la dose rispetto a quanto già egregiamente espresso da Londra.
    Lo faccio ora per andare un po’ controcorrente rispetto a quanto si è detto su forma e sostanza.

    Se sulla forma, e dunque sui toni eccessivi, vedo che siamo tutti d’accordo, a un certo punto il Lupiae riesce anche a soprassedere, consapevole che nei momenti di collera fantacalcistica l’argine che separa il manager dalla persona non è sempre così evidente. Lo sa bene l’amico Walter Bucci – per citare sempre esempi che mi riguardano e non fare torti a nessuno – che anni fa quando mi fece saltare gli affari Reina e Felipe fu apostrofato dal sottoscritto in tutti i modi possibili, senza che ci fosse da parte mia la preoccupazione che questi toni fossero percepiti dentro o fuori dal gioco. Una cosa per cui a posteriori provo ancora disagio e approfitto dunque dello spazio pubblico per chiedere nuovamente scusa a Walter e per ricordare a tutti che il tono malmesso, fuori posto, capita a tutti e che però la porta alle spalle rimane sempre aperta per cui rientrare nei ranghi non dovrebbe essere mai un problema.

    Altra cosa è la sostanza, sulla quale però devo esprimere tutto il mio disaccordo. Ogni franchigia può prendere le decisioni che ritiene più opportune: silenzio stampa, embargo, fughe dalla chat, ecc. su cui si può essere più o meno d’accordo. Però a me dispiace veramente se, all’interno di quella che è stata giustamente definita come una famiglia, dei fratelli si ritrovino a mettere sul piatto una scelta, come se ci fossero due partiti da sostenere. È frustrante leggere qualcosa del tipo “o me o lui”, “o con me o contro di me” perchè mette sul piatto una soluzione che è divisiva, costringendo le persone a scegliere tra due partiti, Caino o Abele, Gesù o Barabba. Io non voglio fare il Ponzio Pilato della situazione, ma nemmeno fare i processi alle intenzioni.

    Chi può affermare con certezza, infatti, che il comportamento del Domingo e del Terlizzi sia stato finalizzato al dolo? Ovvero, chi può dire che abbiano avuto l’intenzione di falsare il campionato appositamente? Ecco, io non faccio processi alle intenzioni e lascio che sia il campo a parlare: magari il Terlizzi retrocede e il Domingo vince lo scudetto. Nel pallone non si può mai sapere.
    Di sicuro non prenderanno il Premio Fair Play, questo mi sembra ovvio, però da qui a chiedere le dimissioni e affermare anche che sia stato trovato un sostituto, beh ce ne passa. Chi sarebbe poi sto sostituto? Chi lo ha trovato? Chi lo ha proposto? E, ammesso e non concesso, in quali condizioni di disagio, imbarazzo e difficoltà entrerebbe in famiglia? Se c’è qualcuno che si vuole avvicinare alla Serieagreen ben venga, tante franchigie inclusa la mia avrebbero bisogno di linfa fresca. Ma est modus in rebus, come direbbe Lotito.

    Di conseguenza non sono d’accordo nè con le dimissioni, nè tantomeno con il controscambio, che sarebbe porcata più laida dello scambio stesso. Il campo deciderà. Non possiamo creare un precedente di stampo sovietico (e questa volta lo dico con accezione negativa) dove lo stato interviene sul mercato perchè a un certo punto decide che una cosa non gli va bene o la reputa “contro il popolo”, esattamente come soleva fare il sanguinario Lavrentij Berija quando qualcosa o qualcuno non gli andava a genio e lo faceva epurare. Lungi dal paragonare i Wailers al KGB eh, non scherziamo: l’esempio mi serviva solo per dire che non esiste autorità che possa interferire con le leggi e le regole che liberamente ci siamo dati, se non passando per elezioni, referendum e quorum democratici tanto cari ai Wailers, che adesso mi sembrano impazziti a un certo punto e dopo la Rivoluzione d’Ottobre mi vogliono avviare le purghe.

    Concludo dicendo che forse qualche giorno di riflessione in più avrebbe fatto bene anche ai dirigenti dei Wailers, a mio avviso troppo frettolosi nel prendere decisioni a caldo. Una società giovane anche se non certo alle prime armi, pur tuttavia ancora alla ricerca della propria identità (http://www.serieagreen.it/presentazione-divise-ufficiali-ac-boca-wailers-stagione-2020-2021/).
    Un giorno strenui difensori dell’ordine pubblico, l’altro giorno in piazza a guidare i rivoltosi. Un giorno dietro le scrivanie a legiferare, l’altro in tv a contestare le regole. Un giorno tra la casta, l’altro tra i peones. Un’oscillazione che non faceva bene alle coronarie di Tarantino e che ora minaccia anche quelle del pur morigerato Calò, che però in quanto Media Legal Manager è stato assunto proprio per mediare certe zamparinate del suo capo e non per sottoscriverle. Altrimenti fa la fine di Lo Monaco.

    Battute a parte, credo che a volte fare un passo indietro sia il sintomo della più grande saggezza. Lo dico semplicemente perchè a me dispiace non potermi più sfottere con Angelo e Alessandro, così come sento la mancanza di Walter, sia chiaro, in quei momenti della giornata in cui mi vado a ripescare i 15 30 o 50 messaggi arretrati su whatsapp. Rispetto comunque le idee e le decisioni di tutti. Apprezzo la proposta pacificatoria di Walter ma non la condivido: la Serieagreen non è mai una questione economica, quindi non ridurrei la questione a una sanzione finanziaria, seppur goliardica (oh, è pur sempre na cena a 16 persone, no un panino).
    Vero è, però, che se questo atto così clamoroso dei Wailers vorrebbe farli passare alla storia come una società cocciuta e ferma sui suoi ideali, di fatto poi rischia di venire ricordato come l’ennesimo tappo che il periodo storico, per tutti complicato, ha fatto saltare.
    Quindi, dato che la cosa mi sembra veramente uscita da una delle puntate più scalmanate del Processo del Lunedì, dove Sgarbi veniva alle mani con Mosca e Franco Melli non faceva parlare Elio Corno mentre Biscardi gongolava per l’audience, io credo che tutto si possa ricondurre sui binari cibandoci (grazie alle eminenze grigie Loturco & co.) di un po’ di quella tv spazzatura che tanto abbiamo odiato/amato. Forse più odiato ripensandoci. Però credo possa essere divertente ospitare i 4 contendenti in un web talk così da avere contraddittorio, poter intervenire noi da casa, ma soprattutto farvi scannare nel gioco, così da tornare a farci quattro risate in compagnia. E vaffanculo a Boga, Lammers e, come sempre, al risultato.

  • 9 novembre 2020 in 10:49
    Permalink

    bellissimi i commenti di tutti, volti chiaramente all’unione e alla soluzione di questa situazione. Occorre davvero schierarsi? non vorrei farlo, anche perchè a questo punto non so dove sono i buoni e i cattivi: i secondo sono quelli accusati di aver distorto, non dico falsificato, il campionato o sono quelli che impongono le loro visioni morali ad un gioco contraddistinto da 16 persone diverse e pensanti? odio le imposizioni, odio gli out out, come odio le trame nascoste, che però non sono ancora state dimostrate in questo scambio. Propongo la pace, la rimozione di questo post e la cena proposta da Walter. In questo post però vedo tanta passione, che è stata espressa male, tocca ammetterlo

  • 9 novembre 2020 in 11:14
    Permalink

    Nonostante le offese ricevute, sono disposto ad un incontro chiarificatore, sia nelle studi televisivi di Loturco Channel, sia su Skype o via telefono. Va bene le critiche, gli embarghi, e anche la cena proposta da Bucci, qualsiasi cosa che unisca e non divida. Sono brutte le minacce e le uscite dalla chat. Preferisco essere coglionato dai wailers tutto l anno piuttosto che giocare sapendo che loro non sono in chat.

    E Mi dispiace di aver creato tanti malumori. La cosa che più mi ha ferito è quella di essere stato scambiato per uno che venderebbe l anima al diavolo, pur di vincere un campionato. È vero che lo vorrei vincere, ma non così. Sapevo che lo scambio era a mio vantaggio, inutile negarlo, ma mai avrei pensato a tanto. Non ho il potere di tornare indietro nel tempo, purtroppo quel che è fatto è fatto. Avevo pure pensato di congelare i giocatori coinvolti per tutto il resto della stagione, o di rifare lo scambio al contrario, ma ho paura di creare altri malumori. Abbiamo passato 18 ore di asta tutti quanti, ma se c è un presidente che ha 20000 crediti, e li spende tutti insieme per comprarsi top player (non è il caso mio) da un altro presidente, non penso ci sia nulla di male. Le strategie sono anche queste, i soldi del bilancio continuativo servono pure a questo.

    Sono a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento

    Un saluto

  • 9 novembre 2020 in 11:54
    Permalink

    HOla! buondì a todos,
    con immenso piacere in merito all’alta caratura dei ragionamenti e spunti di quasi tutti i colleghi, ci tengo ad intervenire nuovamente quale semplice membro dei 16 circensi, provando a comunicare in quanto tale tralasciando solo per un secondo il giocatore Domingo e quindi il mero scambio e le questioni tecniche che saranno approfondite a brevissimo giro di posta.

    Mi congratulo di cuore con tutti quelli che stanno dedicando tempo, meningi e anima a questa vicenda.

    Devo ammettere che, in egual misura allo sconforto per certe posizioni espresse e che mai potrò condividere nei confronti di qualsivoglia collega, resto piacevolmente sorpreso verso i risvolti etici protesi all’analisi socioantropologica della famiglia Green.

    Dalle proposte essenziali e goliardiche del collega Bucci, alla confermata lucidità di Sergi fino alle panoramiche puntuali e unitarie dei colleghi Brindisino Luca, Maggiore e Lorusso e mai trascurando le altrettanto degne di nota posizioni di chi, anche privatamente, si sta interrogando sulla questione…
    è bellissimo e affascinante notare che questo sito e i suoi partecipanti riescano ancora oggi a produrre tali contenuti.

    Ciò detto, tornando giocatore e parte in causa nonché ideatore dello scambio, chiedo a tutti di attendere solo qualche altro giorno per permettere alle parti in causa di organizzarsi con i media green alla volta del doveroso chiarimento in forma di inchiesta/intervista.

    Inoltre, vorrei fosse chiaro, netto ed evidente che quanto sarà prodotto dalla suddetta ‘giocosa’ iniziativa non intralcerà in alcun modo lo svolgimento del campionato, nel senso che il Domingo e il Terlizzi si adopereranno a prescindere a giungere ad una decisione definitiva in merito allo scambio, tale da mettere in conto la regolarità e la salutare riuscita della stagione.

    Grazie a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

sextube