Buongiorno Lecce: Lupiae e Pigna salutano Mimino Renna

Le due formazioni giocheranno col lutto al braccio e osserveranno un minuto di silenzio in onore dell’allenatore dei record Mimmo Renna.

Ci sono sentimenti che vanno oltre le rivalità. Emozioni che fermano tutto e per cui tutto giustamente si ferma. Così sarà in questo weekend di campionato in cui, ironia della sorte, in serie B si sfidano Lecce e Ascoli, mentre in Serieagreen Lupiae e Pigna. E tutte (o almeno, Lupiae e Pigna di sicuro) lo faranno col lutto al braccio per commemorare la scomparsa del grande Mimmo Renna, “l’allenatore dei record”. 

Primo leccese a vincere uno scudetto da giocatore nel Bologna del presidente Dall’Ara, da allenatore nel 1976 ha riportato i giallorossi in Serie B dopo un inferno di 27 anni in C con un calcio spettacolare, stabilendo il record di imbattibilità casalinga, vincendo contemporaneamente la Coppa Italia di serie C e il Torneo Anglo-Italiano, di cui il Lecce rimane tuttora l’ultimo detentore.

Dopo aver salvato il Lecce in B, si siede sulla panchina dell’Ascoli e saranno altri record: promozione in Serie A con due mesi di anticipo e record assoluto dei punti totalizzati in un campionato di Serie B a venti squadre: 61 (2 punti a vittoria), con 26 vittorie, 9 pareggi e 3 sconfitte.

Per ricordare questa grande figura del nobile calcio di provincia peraltro nel weekend di Lecce-Ascoli, Lupiae e Pigna osserveranno un minuto di silenzio prima del fischio d’inizio della partita che giocheranno col lutto al braccio.

Un pensiero su “Buongiorno Lecce: Lupiae e Pigna salutano Mimino Renna

  • 1 Febbraio 2019 in 20:36
    Permalink

    http://www.picenotime.it/articoli/37143.html

    A corollario delle bellissime parole spese dal collega in occasione della morte dell’amato Mimì, come chiamato nel Piceno, riporto questo articolo da una testata web del Piceno.
    Cosa dire… La strana coincidenza della morte proprio nel giorno in cui le sue 2 squadre più amate si affrontano nella sua città, tocca veramente i cuori.
    Confermo il minuto di silenzio in occasione del match di domenica contro il Lupiae, in memoria di un uomo che ha fatto la storia dell’Ascoli e del Lecce. Da lassù le 2 squadre hanno ora un guardiano in più. Chissà cosa si diranno Costantino e Mimì ora che si sono ritrovati. Posso immaginare cosa possa dire Costantino:

    “Mimì…Ié ‘rrevate pure tu? Ma guarda tu…Vabbè va…Mittete a sedé che mo’ chemencia la partita…E nen me rompe li palle…Stasera nu’ deveme vence…Guarda qua…Me so misse li cazzitte, quigghie rusce, t’arecuorde, quigghie pe’ li ‘iurnate bbone!”

    E ne avranno di cose da raccontarsi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.