Buongiorno Lecce! Antichi valori contro il fantacalcio moderno: storia di una trattativa saltata.

Reina al Lupiae?
Tutto saltato!

Luca Brindisino aveva provato un’ennesima girandola di scambi che coinvolgeva quattro società.
Ma un presidente, dopo aver dato la sua parola, se l’è rimangiata senza scrupoli proprio al momento dell’ufficializzazione: un comportamento ignobile, che non vorremmo mai vedere ai tavoli del fantamercato e che la società verdeazzurra si è sentita in dovere di raccontare.
E fa niente se qualcuno se ne approfitterà.

LECCE – Normalmente siamo soliti parlare solo degli affari andati in porto. L’elevata competitività che ha raggiunto questo torneo, infatti, da un po’ di tempo inibisce i presidenti dal rivelare trattative in essere oppure fallite per paura di svelare strategie, punti deboli, macchinazioni che potrebbero avvantaggiare gli avversari. Tutto legittimo, per carità. Però poi accade che addirittura non vengano comunicati nemmeno gli scambi conclusi, com’è accaduto per il clamoroso passaggio di Venuti ai Wailers, che avrebbe meritato ben più delle due striminzite righe sprecate dai rispettivi presidenti. Anche per questo, il Lupiae ha scelto di rivelarci, in esclusiva e senza filtri, tutti i passaggi di una trattativa che lo ha visto protagonista ma che è poi naufragata miseramente in una modalità decisamente poco ortodossa e che vale la pena raccontare.

Tutto nasce da alcuni abboccamenti per Insigne da parte di Pigna e Labbari. Luca Brindisino vorrebbe Zapata, Petagna e Tumminiello in cambio di Insigne, Ounas e Pellegri. Poi però Pellegri inizia a giocare, Tumminiello si fa male e non se ne fa più nulla. Dall’altra parte le richieste dei salentini riguardano Lapadula e Ljajic ma in questo caso è Tedone a declinare gentilmente l’offerta, preferendo attendere il bomber genoano di rientro dall’infortunio. A quel punto, dopo un timido e inefficace approccio de Lakragasso, subentrano i Wailers che ci provano con l’accoppiata Perica-Iago Falque. Il no del Lupiae non è secco ma prevede una controproposta: “Portami Zapata più Iago e Insigne sarà tuo”. Tarantino si mette subito al lavoro ma Bucci è un osso duro e nell’unico spiraglio che lascia aperto c’è la necessità un difensore titolare: merce rara di questi tempi. Tarantino lo sa bene ma non si perde d’animo e comincia a bussare porta a porta fino a perdere la lucidità, cosa che lo porta ad acquistare il difensore più scarso del torneo a 215 miliardi dal Flipper, com’è ormai storia nota. Walter Bucci, però, del terzino del Benevento non ne vuole nemmeno sentir parlare e Brindisino si altera anche di sopra accusando il manager gialloblù di aver drogato il mercato, raddoppiando quelli che erano i valori fino a quel momento: “Hai introdotto l’Euro, stavamo così bene con la Lira!”, gli dice manco tanto scherzosamente.

A quel punto il Lupiae blinda Insigne e riceve un inaspettato regalo dal campionato: Rafael titolare del Cagliari al posto dell’infortunato Cragno. Una brutta botta per il Cusci che immediatamente si affaccia dalle parti di Lecce per sondare il mercato. Brindisino, visti i prezzi in vigore, la spara grossa: gli oltre 100 miliardi richiesti terrorizzano la dirigenza rossoverde, che fugge con la coda tra le gambe. E’ lì però che scatta l’intuizione di mercato. Lorusso, infatti, si è lasciato sfuggire un dettaglio importante riguardo il difensore Felipe: Potrei cederlo ma solo per un’offerta irrinunciabile”. Brindisino, che aveva già informalmente chiacchierato col Pigna per Heurteaux valutandolo tra i 250 e i 280 milioni, non aveva poi proseguito la trattativa in quanto non certo di volersi privare dell’unico pilastro difensivo del Verona. Ma appena saputo del gradimento rosanero per Felipe non ha esitato ad avanzare la proposta decente: “Prenditi Rafael è usalo come merce di scambio per ottenere uno sconto su Felipe. Io lo valuterei sui 120, 125 mld”. La titubanza di Bucci non ha scomposto la società verdazzurra, che ha comunque stretto un patto d’onore col Cusci, consentendo a Lorusso di trattare con l’entourage del giocatore cagliaritano, fino a giungere all’accordo. Dalle parti di Folignano, però, evidentemente il tempo non è denaro. All’ennesimo rimando, Brindisino capisce l’antifona:

Scommetto che devo fare tutto io: prendo Felipe dal Cusci e poi te lo giro per soldi e Sepe?

– Andata – risponde convinto il manager marchigiano – Te lo pago non meno di 250 mld. 

– E nemmeno un soldo di più, va bene così – ribatte con sportività quello salentino.

Ottenuta la disponibilità del giocatore, la trattativa tra Lupiae e Cusci è poco più di una formalità: Crosta e Felipe sarebbero approdati a Lecce in cambio di Rafael, Jarosinski e 225 mld in contanti.

Resta solo da concludere il tutto su Fantaleghe e poi comunicarlo su Fantagazzetta, ma Bucci è indaffarato col nuovo impiego parigino e rimanda tutto al pomeriggio. E lì Brindisino commette un errore, fidandosi della parola del collega. Certo di avere ormai Sepe in mano, si rivolge al Labbari che nel frattempo aveva battuto anche grazie al forfait di Reina: un incastro perfetto, dal momento che anche Tedone è a corto di difensori. E di moneta: 59 mld che non gli consentono di competere né sul mercato interno né su quello esterno, a meno che non si privi di qualche pezzo da novanta come Perisic o Mandzukic. La proposta del Lupiae ha un senso ed è molto semplice: Heurtaux più i portieri del Sassuolo Consigli-Pegolo, per uno dei tanti difensori “pacco” biancorossi, Reina e Cabral. L’offerta è troppo bella per essere vera, Tedone liquida con un “Ci penso”, ma si indispettisce. Qui il racconto si tinge di giallo, poiché non è dato sapere se il presidente del Labbari e quello del Pigna abbiano tramato nell’ombra per far fallire il piano lupiaense. Fatto sta che la risposta barese di lì a poco sarà scorbutica quanto ingiustamente perentoria:
Il Lupiae è una brutta società. Agisce in malafede, con tesserati che non possiede. Chiudiamo ogni tipo di trattativa”. Brindisino “casca dal pero”, anche perché con Bucci ha giocato pulito, trasparente, comunicandogli ogni dettaglio della trattativa, compreso il tentativo per Reina. Chiedendo però massimo riserbo: avrà Bucci rispettato questo dettame? Non lo sapremo mai con certezza, ma il Lupiae nonostante la netta chiusura di Tedone, spera ancora di poter raggiungere il portiere spagnolo: ha degli ottimi argomenti e crede che lo scambio sia più che equilibrato.

Nel frattempo arriva il pomeriggio e Bucci rientra da lavoro.

Ce la fai a premere un tasto ok su Fantaleghe? – chiede Brindisino al collega in maniera provocatoria.

– Ci sono appena andato, ma non mi hai mandato niente.

– Certo, ti aspettavo. Allora resta online che chiamo subito Vito per fare tutto “tac tac”.

Da qui in poi sconsigliamo la lettura ai deboli di cuore e ai romantici, amanti dei vecchi valori del fantacalcio. Perché succederà di tutto.
Luca Brindisino, che per l’occasione si è anche preso il pomeriggio libero dal lavoro, si reca nel suo ufficio personale come è sempre solito fare dal 1994 ogni qual volta deve chiudere degli affari importanti. Seduto e rilassato sulla tavola del cesso, chiama Lorusso che nel frattempo era in stand by in attesa di novità da Lecce.

Presidente, allora ci siamo. Facciamo una cosa veloce: ti mando lo scambio su Fantaleghe e confermi. 

– Che intendi per veloce? Io sto lavando i piatti…

– Intendo subito, asciugati le mani e vai ad accettare che ho un altro presidente appeso online.

– Ma ho tutto insaponato, la teglia incrostata delle cozze, dammi due minuti, dai…

– Niente minuti. Solo secondi.

E, come nei film americani, riattacca senza lasciare possibilità di replica. Computer munito, opera subito la richiesta di scambio sulla piattaforma Fantaleghe e comunica il tutto su WhatsApp a Bucci.

– Fatto. Appena il Cusci conferma ti invio la proposta con Felipe.

– Ma no… aspetta… non sono più tanto sicuro… vorrei pensarci…

– Ma Presidente sta scherzando? 

– No veramente non…non mi va. Ho anche un mezzo appuntamento al bar con gli altri.

– Prima mi fa fare lo scambio e poi si rimangia la parola?

– Senti, ma che tipo di festa è? Non è che alle dieci state tutti a ballare i girotondi ed io sto buttato in un angolo…no. Ah no, se si balla non vengo. Che dici vengo?

– Ma dove Presidente? Questa è un’infamia bell’e buona! Lei è un XXXXXXXX

– Mi intimidisci. Sono un po’ bloccato. Sai, tu mi intimidisci molto. Comunque sono molto bloccato: mi intimidisci molto…

– Presidente ma si rende conto della gravità del suo gesto? E’ un comportamento ignobile!

– No, allora non vengo. Ma mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente? Vengo. Vengo e mi metto, così, vicino a una finestra, di profilo, in controluce.

Quando Brindisino capisce che Walter Bucci è incapace di intendere e di volere si fionda su Fantaleghe sperando che Lorusso stia ancora lavando i piatti per annullare tutto. Sono dei secondi interminabili. All’aggiornamento della pagina però…. lo scambio c’è! C’è ancora! “Annulla richiesta” e amici come prima. Ma anche no, visto che cominciano a partire ingiurie e improperi irripetibili all’indirizzo di Bucci, dei suoi parenti e antenati fino alla quarta generazione e delle Marche tutte. Brindisino è una furia incontenibile e anche quando Lorusso lo chiama non risparmia nefandezze.

– Allora ho finito di lavare i piatti, c’era na cozza che hai presente quando si dice “si attacca come una cozza”? Ecco stava sulla teglia come il cemento armato, comunque: su fantaleghe non trovo niente, com’è?

– E certo che non trovi niente!  Sdlfgjdsoiugsdjsapufpmfucpwurp9wncuohepwtnep1u0234580nwjxfh

Il presidente del Cusci prova ad abbozzare un tentativo di rimettere le cose a posto, ma è inutile. Soltanto la vittoria infrasettimanale del Lecce sulla Casertana riuscirà a placare gli animi del manager salentino, che si prenderà del tempo per meditare su un gesto simbolico quanto plateale. Che oggi puntualmente è arrivato, sotto forma di comunicato stampa alla nostra redazione, condito anche da alcune dichiarazioni:

Il nostro modo di fare mercato è sempre lo stesso, da anni, e risponde alla regola del win-win: nessun perdente, ma tutti devono uscire vincitori dalla trattativa. Ecco perché non ho mai paura di impostare girandole di scambi che riguardino più società: per quanto mi riguarda la trattativa o conviene a tutti o non la inizio nemmeno. Ed è con questo medesimo spirito che mi sono approcciato al Cusci, come al Pigna, come al Labbari, accollandomi tutti i rischi di fallimento. Al Cusci serviva il secondo del Cagliari, ma non era costretto a vendere un difensore se non per un’offerta indecente. E io gliel’ho fatta. Al Pigna serviva un difensore titolare come l’aria, ma non aveva tempo e modo per procurarselo. Ed io gliel’ho procurato, senza speculare né sul passaggio né sulle valutazioni post-Venuti: quale che sia la valutazione che date a Rafael, da 30 a 130 mld, in ogni caso io stavo rivendendo Felipe al Pigna sotto costo. E infine il Labbari: so che molti sciacalli si sono approcciati a Tedone per sfruttarne la vulnerabilità. Io gli ho chiesto una pedina sì importante ma non fondamentale, offrendo in cambio la garanzia di risolvergli due problemi in uno: portiere e difesa. Ma sono stato trattato come un malvivente, un mascalzone. Probabilmente proprio a causa di chi aveva dato la sua parola, per poi rimangiarsela. Ma non faccio congetture: ho capito che ormai in questo campionato pur di vincere si è disposti a tutto, la parola data ormai vale meno di una banconota da 2 euro e i Presidenti che si possono definire Signori in questo senso si contano sulle dita di una mano. E ho deciso di pubblicare tutti i dettagli della trattativa proprio per vedere quante iene, quanti condor ci sono in giro pronti a speculare su tutte le informazioni ricevute da questo comunicato: sono proprio curioso di vedere quale bava cadrà a terra per prima. Ma noi non cambiamo il nostro atteggiamento, né vogliamo trattenere giocatori contro la loro volontà. Per cui concludo approfittando per ringraziare il Cusci della disponibilità e tranquillizzo Lorusso: in un modo o nell’altro, Rafael sarà un tuo giocatore entro la prossima asta di riparazione. Così come avevo promesso. Perché la mia parola è e sarà sempre una firma col fuoco”.

E adesso? Che succederà? Seguiranno dichiarazioni altrettanto roventi da Folignano? E da Bari? Quali saranno le reazioni degli altri presidenti? Approfitteranno del caso per organizzarsi in vista dell’imminente asta di riparazione autunnale? Quel che appare certo è che grazie o a causa di questo “coming out” il mercato si farà ancora più rovente…

27 pensieri riguardo “Buongiorno Lecce! Antichi valori contro il fantacalcio moderno: storia di una trattativa saltata.

  • 9 Novembre 2017 in 12:27
    Permalink

    Non commento le modalità con cui Bucci si è rifaldato.
    Ma chiedo a tutti i presidenti: secondo voi era una trattativa equa? Ci poteva stare?
    Rafael+Jarosinski+225mld non sono equiparabili ai 250 per Felipe?
    E Consigli-Pegolo+Herteaux per Reina è una speculazione?

    Attendo fiducioso le vostre opinioni.

  • 9 Novembre 2017 in 12:31
    Permalink

    Chi è jarosinski?

  • 9 Novembre 2017 in 12:33
    Permalink

    Se a qualcuno fosse sfuggito a prendersela in quel posto però è stato il Cusci che stava bello tranquillo a lavare i vestiti del lavoro (non i piatti, ma poco importa) e che all’oscuro del resto si vede ritirata una proposta fatta ed accettata e solo da confermare su Leghe. E se invece di lavare i vestiti avessi accettato subito?! Con questo voglio dire che è stata una catena dove ognuno ha fatto il suo per “pararsi il culo”, lasciando scoperto il mio, ma per non essere travisato, anche se mi duole ogni volta doverlo precisare, vi dico che personalmente io ho letto in modo ironico il post del Lupiae e ci voglio vedere solo un modo per smorzare i toni e riderci sopra, in fondo il mercato è anche questo…

  • 9 Novembre 2017 in 12:36
    Permalink

    Io mi trincero dietro a un volontario “no comment”. Solo il tempo racconterà la vera storia…Per il momento preferisco non giudicare, non commentare. Io potrò aver anche sbagliato nel metodo ma qualcuno ha sbagliato nel progetto. La storia originale potrebbe venir fuori prima o dopo l’asta novembrina. Dipende ovviamente da vari fattori. Detto questo non risponderò ad altre domande sulla vicenda.

  • 9 Novembre 2017 in 12:37
    Permalink

    Dimenticavo: l’unico per cui sono dispiaciuto in questa vicenda è il mio amico Cusci, ignara vittima. Con lui mi scuso di tutto ma…Tempo al tempo. Tutto verrà spiegato con dovizia di particolari.

  • 9 Novembre 2017 in 12:42
    Permalink

    x Terlizzi: me lo domando anch’io…

    x Cusci: caro presidente non sono d’accordo. tu eri l’unico che ci guadagnava e basta dalla cosa, hai sempre affermato tu stesso che per te farlo o non farlo era la stessa cosa. L’importante era avere Rafael e come detto lo avrai. Poi guarda come ci siamo ridotti: dover specificare l’ironia dei post, dover chiedere su WhatsApp di leggere il sito, ma è davvero necessario?

    x Pigna: attendo con ansia la sua versione “originale” dei fatti. Ciò che si evince dalla sua risposta è che lei ha più di qualcosa da nascondere e questo non mi sorprenderebbe affatto. Parla di metodo, di progetto, di fattori, solo per nascondersi dietro un dito?

    Mi attendo da tutti risposte alle mie domande tecniche sul mercato.

  • 9 Novembre 2017 in 12:43
    Permalink

    Farò solo una battuta: Antichi valori? Si quelli della vecchia Democrazia Cristiana…A buon intenditor…

  • 9 Novembre 2017 in 12:44
    Permalink

    Sul primo scambio dico fattibile, il secondo non lo avrei fatto per un semplice motivo: hertaux consigli stanno in squadre che quest’anno non girano, non vanno. Mentre Reina, anche se a volte fa stronzate, appartiene ad una delle squadre candidate allo scudetto

  • 9 Novembre 2017 in 12:49
    Permalink

    Caro Presidente Bucci, penso che dopo un comportamento del genere l’ultima cosa che ci si attende da lei sono le battute… Un presidente che dà la sua parola e poi si tira indietro sarebbe degno della radiazione. E’ inutile cercare sponde “nel mio amico Cusci”, che già una volta l’ha salvata con Deloufeu…
    Se poi vogliamo far passare del tempo, per far scorrere l’acqua sotto i ponti, e poi magari costruire una versione edulcorata, che cerchi di dare un colpo al cerchio ed uno alla botte, prego faccia pure. Questi però sono i metodi della Democrazia Cristiana, con cui il Lupiae non avrà mai nulla a cui spartire!

  • 9 Novembre 2017 in 12:50
    Permalink

    Paolo la questione è sul metodo, almeno per quanto mi riguarda…Ripeto: sistemate alcune questioni tecnico-burocratiche arriverà la difesa d’ufficio, prima o poco dopo l’asta novembrina.

  • 9 Novembre 2017 in 12:51
    Permalink

    x Terlizzi: è chiaro che in condizioni normali non ci sarebbero motivi per fare Pegolo-Consigli-Heurteaux per Reina. Ma stiamo parlando di una condizione in cui il Labbari ha già giocato in 10 ed ha almeno 7-8 giocatori inutili da lasciare sul mercato, di cui la metà sono difensori. In tutto questo, con 59 mld, che speranze ha di racimolare titolari? In queste condizioni, a mio avviso, lo scambio era più che ragionevole.

    PS: non avrei avuto problemi nemmeno a cedergli Sepe a 40-45 mld se mi avesse risposto con garbo.

  • 9 Novembre 2017 in 12:53
    Permalink

    x Pigna: il metodo che ha usato con me si riassume in una sola parola: GIUDA.
    Ed è indifendibile, nemmeno l’avvocato Taormina ti può salvare.

  • 9 Novembre 2017 in 12:57
    Permalink

    Però scusa Luca te la metto in modo brutale, mi chiami e mi dici che devo andare su leghe a confermare, vado dopo 5 minuti appena finito di lavare i vestiti e hai ritirato l’offerta, anche quella è parola data e poi rimangiata, addirittura dopo aver inviato la proposta. Ora che ho letto le motivazioni posso anche dire che capisco che lo hai fatto perché Felipe non era per te ma dovevi farlo ad un altro, ma perché ci vado di mezzo io? E mi rispondo da solo senza polemica: Perché è il mercato così, fin quando non accetti su Leghe te lo prendi in quel posto se l’altro cambia idea…

  • 9 Novembre 2017 in 12:58
    Permalink

    Commento subito a caldo per precisare:
    – che del passaggio di Venuti dal Flipper ai Wailers si parlava ben prima dell’interessamento dei Wailers al calciatore Insigne. (Tutto potrà essere confermato dal presidente Mangia);
    – che il calciatore Venuti, in prestito dal Flipper ai Wailers prima del passaggio definitivo era subentrato in gara in corso con un 6.5 di voto che ha consentito ai Wailers di vincere e prendere tre punti prezioso per confermare il primato (Tutto visibile sul sito fantagazzetta). Solo per questo motivo andava comprato;
    – che un difensore del Benevento (ultima in Europa) per ora titolare possa costare 215 milioni lascia spazio a perplessità e polemiche ma nessuno, dico nessuno, ha ceduto per soldi difensori, merce a dir poco rarissima di questi tempo. Quindi fieri di averlo comprato e premiato dopo che ci ha regalato tre punti;
    – che se lo stesso calciatore fosse stato pagato 150 milioni nessuno avrebbe eccepito nulla… ma una manciata di spiccioli in più e precisamente 65 milioni non potevano certamente essere un ostacolo dati gli alti valori inflazionistici della serieAgreen (vedi acquisti invernali della passata stagione);
    – che i Wailers abbiano ampiamente cercato un difensore sul mercato offrendo contro partite importanti non v’è dubbio e molti dei presidenti interessati possono confermarlo.. Ricordo ancora le parole del presidente del Curtale quando affermava nei confronti dei primi in classifica: “Non hai la possibilità di prendere un difensore del Curtale…” (anche questo è possibile dimostrare, chiedete all’interessato);
    – che subito dopo la comunicazione del passaggio di Venuti in chat per 2015 siano arrivate ingiurie e improbabili possibili scambi di difensori a due soldi come se piovesse è anche questo possibile da dimostrare;
    – che la cessione di Iago e dell’ambito Zapata per Insigne si fosse poi concretizzata questo non è dimostrabile, magari i Wailers avevano colto solo l’imbeccata per poter rinfoltire la rosa senza poi nessun altro scambio successivo (il Terlizzi lo può dimostrare);
    – che i Wailers siano stati puniti con l’annullamento della formazione sulla base di una regola non più vigente ma su l’ipotesi di un “principio generale più ampio” questo è certamente da “trattamento vessatorio”;
    – che da una parte vi sia scritto che la formazione può essere consegnata esclusivamente tramite leghefantagazzetta e che quindi si ha la possibilità di schierare un calciatore appena acquistato non coincide coerentemente con la regola del “contestualmente” per la quale i Wailers sono stati puniti;
    – che non v’è dubbio che i Wailers avessero comunque da signori accettato la volontà dei punitori anche se il risultato non fosse stato comunque 2 a 4;
    – che la pubblicizzazione delle trattative di mercato sia una pratica pericolosa e scorretta credo sia indubbio ma ai Wailers non dispiace dato che hanno tutto dalla propria parte;
    – che l’atteggiamento di estrema formalità nell’interpretazione del regolamento abbia creato i malcontenti generali tranne che dei fautori della rigidità credo debba essere certamente censurato laddove non vi sono regole coordinate con il nuovo approccio a LegheFantagazzetta (però poi prevale sempre la tirannia dei pochi) #totòalaimoritornainchat;
    – che il passo tra la buona fede e il becero chiacchericcio sia davvero breve è anche questo possibile da dimostrare;
    – che i Wailers siano sempre polemici, aggressivi e dissidenti è anche questo facile da dimostrare;
    – che la serieAgreen sia stato un posto di polemica solo secondo al Processo di biscardi è oltremodo vero… da quanche giorno credo sia splendidamente, appassionatamente (e purtroppamente per Biscardi) al primo posto;
    – che nonostante il brutto tempo di questi giorni #lenuvolenonpossonoannientareilsole

    Buona polemica a tutti!!!

  • 9 Novembre 2017 in 12:58
    Permalink

    X il Lupiae: Sappia attendere la risposta più idonea a quello che stava per succedere…Poi vediamo chi avrà bisogno di Taormina e/o Giulia Bongiorno…

  • 9 Novembre 2017 in 13:00
    Permalink

    x Wailers: hai sbagliato post mi sa! ahahahahahahahah

  • 9 Novembre 2017 in 13:03
    Permalink

    x Pigna: il fatto che tu abbia dato una parola e poi te la sia rimangiata, mettendomi in condizioni di torto col Cusci, non necessiterebbe di nessuna risposta. Il fatto che ti serva tempo per chiamare i tuoi azzeccagarbugli (e magari accordarti per una versione dei fatti fasulla con altre parti in causa…) sta solo a dimostrare quanto sia complicato dover negare un’evidenza simile.

  • 9 Novembre 2017 in 13:16
    Permalink

    Il “sinuoso” pezzo del Buongiorno merita quantomeno risposte alle domande tecniche di mercato.
    A nostro modesto avviso, tra i movimenti del quadrangolo lo scambio più interessante è quello tra Cusci e Lupiae, anche se Felipe 250 è uno sproposito. Invece lato Labbari privarsi di Reina ci può anche stare, ma si può ottenere di meglio che Heurtaux e Consigli. E perchè no, andare dritto dal Pigna per Sepe.
    Tutto sommato però le traiettorie di mercato erano ben studiate e simpatiche aggiungo.
    Come la grafica in tono green usata per rappresentare le conversazioni.
    Chapeau, Heurtaux.

  • 9 Novembre 2017 in 13:27
    Permalink

    x Domingo: grazie per aver interrotto il silenzio stampa in quest’occasione, siamo onorati. Rispondo per Sepe direttamente al Labbari: ovviamente prima di imbastire mi ero informato e Tedone non aveva alcuna intenzione di scucire 1 euro per Sepe, né tantomeno Walter di venderglielo. Se poi mi hanno detto questa cosa e non era vero, allora fesso io due volte. Ora non so cosa macchineranno per gettare fango sulla mia società, però è probabile che i condor di cui si parla nell’articolo siano proprio loro due: sfrutteranno tutte le informazioni che ho dato per accordarsi fra di loro e mettermi in mezzo? Chi lo sa…

  • 9 Novembre 2017 in 13:57
    Permalink

    X lupiae, x cusci, x pigna, x domingo, x wailers e pure x labbari… Vi amo.. Ci voleva un po di sano pepe (non Reina) alla Serieagreen

  • 9 Novembre 2017 in 14:35
    Permalink

    Ma almeno ora lasciatemi il secondo di Cordaz ahhahaahahah
    Ps. Luca forse i commenti nidificati non erano così male per poter rispondere in queste conversazioni lunghe, vero che non le leggi in rigoroso ordine cronologico in quel caso, ma c’è la data… boh voi che dite? rimettiamo la funzione per rispondere ad un commento specifico o preferite così?

  • 9 Novembre 2017 in 15:38
    Permalink

    X Cusci: personalmente mi garbava la funzione risposta specifica.

    X Lupiae: in realtà non abbiamo diramato alcun silenzio stampa, semplicemente ci siamo stufati di scrivere e leggere nel gruppo Serie A Green Whatsapp. La nostra risposta sul tecnomercato ci stava e, come per il pezzo del Buongiorno, a domanda magari risponderemo anche al Buonasera delle altre parti in causa.

    Postilla: 18 si avvicina e come sempre da quando esiste il Domingo diremo la nostra di persona.

  • 9 Novembre 2017 in 15:40
    Permalink

    X Terlizzi: si, ma…sta Intercongreenentale? Stamo ancora aspettando. Ahahaahah

  • 9 Novembre 2017 in 16:44
    Permalink

    x Domingo: io metterei la regola che su WhatsApp si può comunicare solo con le gif guarda…

    x Cusci: invece guarda che bello senza nidificazioni: sei costretto a scrivere il destinatario del messaggio! Nessuna confusione, cronologia delle risposte inequivocabile, ordine e disciplina!

    x Terlizzi: Grazie per le belle parole, ma chissà quante altre trattative così ci sono nell’ombra. Prima era più facile perché l’80% si svolgevano tra via Ceneda e via Campi Flegrei… ora sarebbe bello farle venire fuori comunque, così, in barba alle conseguenze.
    E forza con questa intercongreenentale, ubriachiamo di post sito!

    x tutti: intanto Lupiae e Pigna continuano a beccarsi in chat, mi sembra di essere tornati ai tempi di Pulgar con StefanoMario! Per questo ringrazio Bucci ma non ditelo a nessuno: era e resterà un GIUDA! E Tedone non è riuscito a leggere oltre il titolo…

  • 9 Novembre 2017 in 20:33
    Permalink

    Tutto molto bello ma… ci vuole la moviola in campo!!! Fatto sta che solo ora mi rendo conto che in questa Serieagreen necessitiamo di un camion Pasta Fissan; ma che davvero qualcuno tiene il broncio per la situazione Wailers? INCREDIBBBBILO AMICI DA NUMERO 4566 DU MANUALE DU CALCIO!
    Detto ciò #donnamurammafaischifoalcazzo, Pigna se il giochetto Lupiaensis non è venuto a termine così come presentato… ahi ahi ahi… soprattutto per la cozza del compare Cusci. No buoooooonooooo

  • 10 Novembre 2017 in 10:42
    Permalink

    Così vi voglio cassssssooooo!

    Comunque una volta ste cose le facevo io! Bei tempi!

    Ahahahahhaha!

  • 10 Novembre 2017 in 11:11
    Permalink

    x OLD EAGLES: qua stanno uscendo fuori dei retroscena che andrebbero a incolpare l’unico che se ne sta stando zitto zitto a nascondersi sotto la sabbia di Punta Perotti…

    x CURTALE: Presidente quando vuole possiamo imbastire una polemica di mercato. Per me, lo sapete, ogni anno è immancabile. Anzi, mi stupisco di come ancora non sia uscito uno scoop su tutti i polveroni di mercato alzati dal Lupiaen…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.